giovedì 22 marzo 2007

Ragazze in Vendita e un Bolscevico Multato

sono profondamente convinto che un blog é uno spazio libero nel quale esprimersi liberamente, dev'essere uno spazio avulso da qualsiasi controllo di una qualsiasi autorità. Solo moderazione spontanea con interventi di altri blogger.
sono convinto che
i blog sono un'informazione libera e indipendente pur non essendo "autorevoli" media ufficiali. Un'informazione a la carte.
in un blog si offre l'opinione sulle informazioni non l'informazione, pertanto non vi é nessuna obligazione etica o morale su quello che si scrive.

1 - in questi giorni un blogger, bolscevico stanco, é stato condannato per diffamazione.
non entro nel merito descrittivo della questione, un post di
PenserEnsuite descrive perfettamente la vicenda, con in più i commenti e le varie citazioni.

2 - in questi giorni ho visitato un sito internet che porta come titolo RAGAZZE IN VENDITA.
in questo sito migliaia di ragazze mettono in vendita le loro foto e video privati, numero di telefono, mail, indirizzi ICQ/MSN/YahooMessenger e biancheria intima. Il sito promette grandi guadagni! e in una rubrica ti spiegano tutto. il sito precisa che non si tratta di escort ma di bravissime figliuole della porta accanto.

1 + 2 = come mai nessuna "autorità" denucia questo sito per incitamento alla prostituzione o come un'offesa alla morale pubblica?

1 + 2 = adesso dobbiamo stare attenti a quello che scriviamo su un blog, però se abbiamo voglia possiamo mettere in vendita i nostri slip sporchi oppure farci pagare per una coversazione in WebCam hard o soft, a nostra scelta, come ci suggerisce il timido sito della porta accanto!

in un mondo ideale 1+2 = 3. in Italia e nel Mondo Occidentate 1+2 non fa mai 3

ps: non metto il logo del sito per non fargli ulteriore pubblicità!

1 commento:

Giulia ha detto...

Questo post ti fa onore!
Il migliore!
Concordo in pieno
con tutto quello che hai scritto!
E' vergognoso..
Un bacio